Rancho Comancho

Home » Tecnica&Dati

Category Archives: Tecnica&Dati

An Introduction to Your Horse’s Conformation

Well, this is a pretty good example of what there is inside the centaur. Thanks for sharing. Questa è una gran bella tavola che mostra la struttura interna del centauro… Visto quel che stiamo preparando per soci e non solo, ci pareva importante, come anticipazione, almeno… In inglese, ma chiarissimo.

Complete Guide to Polo

Equine Anatomy

The idea of using conformation to better choose a horse to buy, or choose a horse for a specific discipline is not new. Xenophen described what he looks for in selecting a young horse: “a hoof of thick horn, and a frog that is held off the ground.” But he never mentions the “ideal” horse, or the “perfect” horse. A perfect horse does not exist. We can take our analysis of a horse’s conformation and use that information to make better decisions, but we don’t simply turn a horse away because his pasterns are not at the perfect angle.

We can then break the horse’s body into three parts:

1. The spine, neck and head

2. The forelegs, and

3. The hindlegs.

1. The spinal column consists of the skull, seven cervical vertebrae which begins at the 1stcervical vertebrae, or the atlas which allows the skull to make up and…

View original post 450 altre parole

Annunci

Tempo di pedicure per gli ospiti più giovani

Teo al lavoro sui piedi del puledro, Lola osserva

Teo al lavoro sui piedi del puledro, Lola osserva

Piccoli piedi crescono e gli zoccoli con loro… Ecco così arrivare  il momento di una spuntatina, che serve anche come controllo dei ragazzini nei pascoli (nonchè per abituarli a essere “maneggiati”).

Mentre i piccoli aspettano Teo pensa anche alle mamme

Mentre i piccoli aspettano Teo pensa anche alle mamme

Ecco così che Teo e Lola hanno spostato mamme e piccoli (mica più tanto,ormai), nel maneggio per l’operazione.

Andata perfettamente a buon fine (si sono dimenticati lo smalto, però..)

Pazienza, pazienza, pazienza, pazienza… Risultati!

Libero, Riot ha seguito Sacha sugli ostacoli per starle vicino

Libero, Riot ormai segue Sacha ovunque, pur di starle vicino

English Abstract at the End of the Post

Ecco qui sopra Riot, riveduto e corretto. Buon cavallo, disponibile, giovane, preparato da reining… fuori di testa per tutto il resto, o quasi (parere del Lupo), non appena fuori dal recinto di lavoro. Nelle uscite, impennate, scatti, salti, nervosismo, rifiuti e chi più ne ha più ne metta: niente di particolarmente terribile per chi sa come andare a cavallo come Sacha, ma le passeggiate devono essere altro e il lavoro nel ranch pure.

Riot non sapeva salire sul ponte

Riot sapeva tutto di stop e spin, ma non sapeva salire sul ponte

Nonostante la nota pazienza del Lupo, ecco qui sopra il massimo tragitto che Riot accettava di fare sul ponte, per esempio.  Inevitabile Sacha decidesse di ripartire da zero, alla nostra maniera: essere un buon cavallo da reining non basta, a Rancho Comancho devi essere un bravo compagno di lavoro. I risultati hanno cominciato a farsi vedere, come sempre, sin dalla prima sessione in tondino. Ripartito, nudo e libero, Riot ha cominciato cercando di scalciare l’istruttore, sfuggendo, non rispettandolo, ma… solo due ore dopo era come un agnellino con il capo appoggiato sulla spalla di mamma e papà.

Un grazie ben meritato per averla seguita anche sull'ostacolo

Un grazie ben meritato per aver raggiunto Sacha, chiamato, passando sull’ostacolo

Dopo qualche altra ora di lavoro a terra prima e montato poi da Sacha senza redini e senza speroni, eccolo finalmente capace di affrontare anche su quella terribile tettoia mangiazoccoli! Per non parlare del fare volte, stop, back senza sfiorare le redini, senza bisogno di speroni, imparando a seguire i minimi movimenti di Sacha e la sua voce.

Bravo Riot, ma soprattutto brava Sacha a riprenderlo per dargli quel che gli mancava, il rapporto. Certo, ci sarà ancora moltissimo da fare, ma la strada è aperta (vero, il discorso per fare poi gare di reining è tutta un’altra cosa, ma senza le fondamenta, non ci sono case che reggano al tempo).

Riot is a young and well trained reining horse, but he was too nervous, scared and suspicious any time we were working with him in the paddocks or in a trekking.  You can see he didn’t even want to pass the bridge… So Sacha decided to start from scratch. No reins, no saddle, completely free into the ring, Riot began his first work session kicking, searching the trainer, jumping… Two hours later was resting his head on the trainer’s shoulder. A few more sessions and here he is, as you can see, walking over the obstacles, just to stay close to Sacha. Mission accomplished (this for real, even though we know it will be a long path). Well done Riot, well done Sacha!

Ray Hunt, Horseman… THERE IS NO SUCH THING AS A HORSE WHISPERER.

There is still hope, if somebody was writing about this kind of people… And if there are still ears and minds ready to listen. So long, Bill.
Poche parole per ricordare un cowboy passato di là dal fiume nel 1999, dopo 93 anni passati quasi sempre a cavallo. L’articolo è ripreso dal New York Times, quindi non proprio la massima espressione del mondo di Bill Dorrance, ma l’intento è buono e il senso della cosa pure. Il finale del pezzo, soprattutto, è da sottoscrivere in pieno: “e’ dura accettare che tutto quello che sai dei cavalli potrebbe cambiare non appena incontrerai il prossimo”. Un bravo anche a Verlyn che scrisse il pezzo, allora. Keep riding!

High On Horses

THERE IS NO SUCH THING AS A HORSE WHISPERER. There never has been and never will be. The idea is an affront to the horse. You can talk and listen to horses all you want, and what you will learn, if you pay close attention, is that they live on open ground way beyond language and that language, no matter how you characterize it, is a poor trope for what horses understand about themselves and about humans. You need to practice only three things, patience, observation and humility, all of which were summed up in the life of an old man who died Tuesday (July 20, 1999) in California, a man named Bill Dorrance.

Dorrance was 93, and until only a few months before his death he still rode and he still roped. He was one of a handful of men, including his brother Tom, who in separate ways have…

View original post 338 altre parole

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: