Rancho Comancho

Home » Bed and breakfast » Vogliamo Al Gore a spalar neve, a vita!

Vogliamo Al Gore a spalar neve, a vita!

Rancho Comancho, il Club

Rancho Comancho, ospite dell'azienda agricola Nine del Lobo su una splendida collina, è un club aperto a tutti, ma NON è un maneggio. Chiunque può diventare socio e cavalcare con noi, purchè accetti e segua le poche ma precise regole che Rancho Comancho si è dato da sempre. Eccole.
Lo statuto
Regolamento di scuderia
Questi sono invece i costi.
Costi e servizi 2013
che possono essere pagati attraverso il nostro sito commerciale cliccando qui.
E questi i documenti da firmare
Liberatoria Privacy
Scheda personale soci
Scheda ammissione cavalli
I soci hanno uno sconto del 20% sulle tariffe del Bed & Brunch di Nine del Lobo.

Prossimi appuntamenti

Nessun evento in arrivo

Cinquanta centimetri di neve in una notte di quasi primavera

Cinquanta centimetri di neve in una notte di quasi primavera

Tra un paio di giorni comincia ufficialmente la primavera. Giusto. Ieri, però, alla faccia del riscaldamento globale, ci siamo beccati un bel 50 centimetri di neve in una sola notte (notare i panni stesi il pomeriggio prima). Certo, diranno che pure questa è colpa di quanto siamo cattivi noi con la natura, ma a noi pare invece non ci si ricordi più di come erano gli inverni solo una trentina di anni fa… Per esempio, in questa valle il cui monte più alto supera a mala pena gli 800 metri, era stata realizzata una pista da sci, con tanto di impianto di risalita. Già, perchè negli anni’70 si dicevano certi, gli scienziati dello stesso genere di quelli che adesso ci vedono di nuovo con le balene a sguazzare in giardino, che nel 2000 sarebbe iniziata una nuova era glaciale.

Sky sommerso dalle neve

Sky perplesso immerso nella neve: dov’è finita l’erba di ieri sera?

Siamo degli scettici? No, siamo realisti come la marea di scienziati che Marco ha conosciuto e intervistato negli ultimi vent’anni: ne sappiamo troppo poco, abbiamo troppi pochi dati per capire se sta succedendo qualcosa e ancora meno per poter dire con certezza da che cosa dipende ciò che sta eventualmente accadendo. Quando era in Antartide, nel 1999, Marco ha visto con i suoi occhi la banchisa essere di due metri più spessa di quel che era stato previsto (come racconta nel suo libro Orizzonte Bianco), mentre in Italia e in Europa si raccontava di come il Polo Sud si stesse sciogliendo (mentre solo in quell’anno scienziati italiani stavano cominciando a rendere possibile misurare lo spessore del ghiaccio sul continente).

Maggie recupera i panni stesi al sole il pomeriggio prima

Operazione recupero dei panni stesi al sole il pomeriggio prima della nevicata

Tutto va bene madama la marchesa, allora? Continuiamo allora a sporcare, sprecare, ristruggere il futuro da soli rovinando il pianeta? Certo che no. E’ un dovere preservare quel che abbiamo. Non solo: è un dovere cercare di recuperare quel che abbiamo già distrutto. Ma questo non significa dover creare mostri di cui aver paura, come se l’umanità fosse composta da bambini che bisogna spaventare con “l’uomo nero” (politicamente corretto, vero? altra menata) o il “bobolo” o che altro: sarebbe ora di cominciare a crescere e dimostrarci degni di questi due o tre miseri strati di cellule grigie dette cortecce cerebrali che abbiamo.

Facciamo le cose giuste perchè sono giuste, non perchè abbiamo paura. La paura uccide (e spalare la neve no, se il cuore è a posto: quindi, caro Al Gore, ti aspettiamo qui da noi, appena hai finito di parlare ai portafogli di chi ti aiuta!).

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: